Scienza

14 curiosità sui vermi marini del nastro | Scienza

Che si trovino su un marciapiede bagnato di pioggia, nella compostiera o sull'estremità di un amo da pesca, i vermi che la maggior parte delle persone conosce sono del varietà segmentata . Ma che dire di tutti gli altri vermi là fuori?

Con oltre 1.000 specie di vermi a nastro (phylum Nemertea), la maggior parte presenti nell'oceano, esiste una vasta gamma di dimensioni e stili di vita tra i vari tipi. Una caratteristica distintiva dei vermi a nastro è la presenza di una proboscide, una struttura muscolare unica all'interno del corpo del verme. Quando attaccano la preda, comprimono i loro corpi per spingere fuori la proboscide come il dito di un guanto di lattice rovesciato.

Ecco altri 14 fatti divertenti su di loro:





1. La più grande specie di verme a nastro è il verme del laccio, la biancheria è enorme , che si può trovare contorcersi tra le rocce nelle acque del Mare del Nord. Non solo è il nemerteano più grande, ma potrebbe anche essere l'animale più lungo del pianeta! L'incertezza rimane perché questi vermi elastici sono difficili da misurare con precisione, ma sono stati trovati a lunghezze di oltre 30 metri (98 piedi) e si ritiene che crescano anche fino a 60 metri (197 piedi), più lunghi della balenottera azzurra! Nonostante la loro lunghezza sono meno di un pollice intorno.

verme del laccio

Un'illustrazione di un verme del laccio, che può essere trovato a una lunghezza di 30 metri (98 piedi) o più.(Da McIntosh/editore Selam Amare)



Due. La specie di verme a nastro più piccola è lunga meno di un centimetro e assomiglia a un pezzo di filo più da vicino di quello che pensiamo come un verme.

3. I vermi a nastro hanno muscoli altamente sviluppati che consentono loro di contrarre i loro corpi, riducendosi a un decimo della loro lunghezza estesa quando minacciati.

piazza del raduno di Norimberga allora e ora

Quattro. Parliamo di stretching: i muscoli dei vermi a nastro non si limitano a contrarre, ma possono anche espandersi, consentendo ad alcune specie di ingoiare prede (come altri tipi di vermi, pesci, crostacei, lumache e vongole) che sono più del doppio della larghezza corpi



Verme a nastro (Nemertean) che mangia un anellide polichete a partire dal LabNemertea sopra Vimeo .

5. La proboscide varia tra le specie. Alcuni sono appiccicosi o hanno ventose per aiutare ad afferrare la preda, e alcune specie, come quelle nell'ordine Hoplonemertea , pugnalano persino la loro preda con una punta acuminata, chiamata stiletto, sulla proboscide.

6. Poiché gli stiletti spesso vengono persi durante un attacco, i vermi creano e utilizzano continuamente sostituzioni che hanno in riserva nelle tasche interne.

7. Come seconda linea di difesa, molti vermi a nastro sono velenosi e hanno un cattivo sapore. Diverse specie contengono tetrodotossina , il famigerato veleno del pesce palla che può indurre la paralisi e la morte per asfissia. Non è ancora noto esattamente come vengono prodotte le tossine - possono rimanere nei vermi dai batteri ingeriti - ma scoraggiano i predatori dal mordere. Alcuni addirittura espellono le tossine dalla loro proboscide.

8. Alcuni vermi a nastro si avvicinano di soppiatto alla loro preda, in agguato sepolti nel fondale sabbioso. Una specie di verme apparirà dalla sua casa nella sabbia quando un granchio violinista si avvicina. Il verme coprirà la preda con la melma tossica dalla sua proboscide, paralizzando il granchio in modo che il verme a nastro possa scivolare in una fessura nel guscio e mangiare il granchio dall'interno verso l'esterno.

9. Non tutti i vermi a nastro sono predatori, alcuni sono parassiti. Un genere di vermi a nastro, Carcinonemerte , vive come un parassita sui granchi, mangiando le uova del granchio e tutti gli animali che riesce a trovare dai confini del suo ospite.

Un verme a nastro parassita, visto in questa immagine con le uova di granchio su cui persiste.

Un verme a nastro parassita, visto in questa immagine con le uova di granchio su cui persiste.(Foto di Sadeghian e Santos)

10. La maggior parte dei vermi a nastro produce un muco scivoloso che copre i loro corpi e li aiuta a navigare attraverso il fango e le rocce sul fondo dell'oceano.

undici. Alcuni usano anche il muco come strato protettivo per evitare che si secchino quando esposti all'aria durante la bassa marea. Altri usano la loro proboscide per muoversi attaccandola a un oggetto e tirandosi in avanti. Questo stesso muco li rende difficili da catturare! E non solo dai predatori: gli scienziati che cercano di catturare i vermi hanno difficoltà .

12. I vermi a nastro marini di solito hanno sessi separati e organi sessuali temporanei. File di gonadi allineano l'interno dei loro corpi per produrre uova o sperma. Quando sono pronti per essere rilasciati, i dotti gonadici si formano su richiesta e vengono riassorbiti dopo la riproduzione.

13. La maggior parte dei vermi a nastro ha uno sviluppo diretto: una versione in miniatura del verme si schiude da un uovo fecondato. Tuttavia, i giovani di un gruppo di vermi a nastro, gli eteronemerteani, emergono in uno stadio larvale bizzarro che sembra un disco volante. Dopo alcune settimane o mesi che vivono e si nutrono in mare aperto, un piccolo verme si sviluppa all'interno e, quando è pronto, si fa strada attraverso l'involucro originale della larva. Quindi il verme cade sul fondo del mare dove trascorre il resto della sua vita.

14. Molti vermi a nastro possono rigenerarsi quando un predatore prende un morso, guarendo le loro estremità rotte. Una specie di verme, Ramphogordius sanguineus , ha un'eccezionale capacità di rigenerarsi: se una qualsiasi parte del loro corpo viene recisa (tranne la punta della coda dove non ci sono nervi), può ricrescere in un nuovo verme. Questo nuovo individuo può essere più piccolo del verme da cui proviene, ma più di 200.000 vermi possono derivare da un individuo lungo solo 15 centimetri (6 pollici)!

Scopri di più sull'oceano dal Il portale oceanico di Smithsonian .





^