A Se Stessi E Alla Società

Eric Klinenberg su Going Solo | Scienza

Nel suo nuovo libro, Andare da soli: la straordinaria ascesa e il sorprendente fascino di vivere da soli , Eric Klinenberg sostiene che molte persone che vivono da sole hanno una vita sociale più ricca rispetto agli altri adulti. Ha parlato con Joseph Stromberg.

Da questa storia

[×] CHIUDI

Secondo l'autore Eric Klinenberg, ci sono più di 32 milioni di persone che vivono da sole, circa il 28% di tutte le famiglie.(Jocelyn Lee / Istituto)





Galleria fotografica

Come sei stato coinvolto per la prima volta nella ricerca di questo argomento?
Il mio primo libro parlava di un'ondata di caldo a Chicago, dove morirono più di 700 persone, nel 1995, e mentre stavo facendo ricerche sul libro ho scoperto che uno dei motivi per cui così tante persone sono morte, e sono anche morte da sole durante quel disastro, è che così molte persone vivevano da sole a Chicago ogni giorno. E non lo avevo mai saputo prima. E durante la ricerca per quel libro, ho trascorso un po' di tempo a conoscere l'aumento del vivere da solo, e in particolare l'invecchiamento da solo. E mi sono interessato al fenomeno, e mi sono preoccupato del problema sociale di essere solo e anche isolato.



Quindi, quando ho finito, ho iniziato a pensare a un prossimo progetto che avrebbe continuato il tema, e ho ottenuto finanziamenti dalla Robert Wood Johnson Foundation per fare uno studio di follow-up più ampio sulla vita da soli e l'isolamento sociale nella vita americana. Quando ho approfondito la ricerca, mi sono reso conto che, in effetti, solo un piccolo numero di persone che vivono da sole sono effettivamente isolate, o sole, e che stavo davvero guardando solo una parte molto ristretta della storia. Quindi ho deciso di espanderlo verso l'esterno e di ridefinire il problema, in modo che non sia solo un problema sociale, ma anche un cambiamento sociale.

Sono arrivato a vederlo come un esperimento sociale, perché quello che ho imparato, sorprendentemente, è che fino agli anni '50 circa non c'era una società nella storia della nostra specie che sostenesse un gran numero di persone che vivevano da sole. Da allora, vivere da soli è diventato incredibilmente comune, in tutto il mondo sviluppato. Ovunque ci sia benessere e benessere, le persone usano le proprie risorse per ottenere un posto tutto loro.

come hanno fatto i mammiferi a sopravvivere a questa estinzione di massa?

Quanto è diffuso vivere da soli in America oggi?
Nel 1950 c'erano circa 4 milioni di americani che vivevano da soli, poco meno del 10% di tutte le famiglie erano unipersonali. E a quei tempi, era più comune nei tentacolari stati occidentali, come l'Alaska, il Montana e il Nevada, perché gli uomini migranti single ci andavano.



Oggi ci sono più di 32 milioni di persone che vivono da sole - secondo le ultime stime del censimento, 32,7 milioni - e questo è circa il 28% di tutte le famiglie americane. Questo è un enorme cambiamento. Invece di essere più comune in Occidente, ora è più comune nelle grandi città ed è comune nelle grandi città di tutto il paese. A Seattle, San Francisco, Denver, Filadelfia, Washington, D.C. e Chicago, ci sono tra il 35 e il 45% delle famiglie con una sola persona. A Manhattan, dove vivo, circa 1 nucleo familiare su 2 è composto da una sola persona.

È fantastico. E sarebbe letteralmente incredibile se non fosse per il fatto che quei tassi sono persino inferiori ai tassi di vita da soli che vediamo in città europee comparabili.

Questo argomento non fa tipicamente parte del dialogo nazionale e, in qualche modo, viene trascurato. Cosa pensi che spieghi questo?
Questo è un vero enigma per me. In parte, è perché non tutti coloro che vivono da soli si identificano in questo modo. Non esiste come identità sociale. Quindi teniamo traccia del numero di single, o adulti non sposati, e sappiamo, per esempio, che oggi ci sono più adulti americani single che sposati, e questo non è stato vero per secoli, ma è vero adesso. Quindi ne parliamo. Ma non abbiamo fatto il passo successivo, ovvero riconoscere che così tante persone non sposate vivono da sole.

La cosa sorprendente è che quando ho fatto le interviste per questo libro—il mio team di ricerca e io abbiamo fatto più di 300 interviste—abbiamo imparato che praticamente tutti sono collegati in qualche modo a un familiare o un amico che vive da solo. Ed ora è così comune che non viene menzionato. Ma, in genere, penso che gli americani siano piuttosto in ansia per l'isolamento. Crediamo nell'autosufficienza, ma desideriamo anche la comunità. Quindi, quando c'è qualcuno nella nostra vita che vive da solo, tendiamo a preoccuparci che ci sia qualcosa che non va, che non abbia ciò che vuole o di cui ha bisogno.

Sostieni che l'assunto diffuso che vivere da soli sia una tendenza negativa è errato. Quali sono alcuni vantaggi che hai notato per le persone che vivono da sole?
Bene, una cosa è che dobbiamo fare una distinzione tra vivere da soli ed essere soli, o essere isolati, o sentirsi soli. Queste sono tutte cose diverse. In effetti, le persone che vivono da sole tendono a trascorrere più tempo a socializzare con amici e vicini rispetto alle persone sposate. Quindi una cosa che ho imparato è che vivere da soli non è un'esperienza del tutto solitaria. In genere è abbastanza sociale.

La prossima cosa, direi, è che oggi viviamo in una cultura di iperconnessione, o iperconnessione. Se una volta eravamo preoccupati per l'isolamento, oggi sempre più critici temono che siamo iperconnessi. Quindi, in un momento come questo, vivere da soli è un modo per ottenere una sorta di solitudine ristoratrice, una solitudine che può essere produttiva, perché la tua casa può essere un'oasi dal chiacchiericcio costante e dagli stimoli travolgenti dell'esistenza urbana digitale. Non è necessario che lo sia: puoi andare a casa ed essere connesso come lo sei ovunque. Questa è una delle storie del mio libro: la rivoluzione della comunicazione ha contribuito a rendere possibile la vita da soli, perché la rende un'esperienza potenzialmente sociale. Certo, le persone che abbiamo intervistato hanno detto che avere un posto tutto loro ha permesso loro di decomprimersi, e non tutti possono farlo.

Quali fattori stanno guidando questa tendenza?
La prima cosa da dire qui è che vivere da soli è costoso, e semplicemente non puoi farlo a meno che tu non possa pagare l'affitto o permetterti un posto tutto tuo. Ma sappiamo che ci sono molte cose che possiamo permetterci ma scegliamo di non fare, quindi non basta dire che è semplicemente una questione economica.

Direi che i quattro fattori chiave che ho identificato sono stati, in primo luogo, l'ascesa delle donne. L'ingresso massiccio delle donne nella forza lavoro durante l'ultimo mezzo secolo ha fatto sì che sempre più donne possano ritardare il matrimonio, mantenersi, lasciare un matrimonio che non funziona per loro e persino acquistare la propria casa, che è una grande tendenza nel reale mercato immobiliare. Il matrimonio non è più economicamente necessario per le donne, e non era vero 50 o 60 anni fa.

La prossima cosa è la rivoluzione delle comunicazioni. Oggi vivere da soli non è un'esperienza solitaria. Puoi essere a casa, sul tuo divano, parlare al telefono o inviare messaggi istantanei, o fare e-mail, o molte, molte cose che facciamo a casa per rimanere in contatto. E certamente non era così facile da fare prima degli anni '50.

La terza cosa è l'urbanizzazione, perché le città supportano una sorta di sottocultura di persone singole che vivono da sole ma vogliono uscire in pubblico insieme. In effetti ci sono quartieri nelle città di tutto questo paese dove i single vanno a vivere da soli, insieme, se questo ha senso. Possono stare insieme vivendo da soli. Ciò contribuisce a rendere l'essere single un'esperienza molto più collettiva.

Infine, la rivoluzione della longevità significa che oggi le persone vivono più a lungo che mai. Ma è stata una rivoluzione irregolare, con le donne che vivono più a lungo degli uomini, il più delle volte, e spesso un coniuge sopravvive all'altro di 5, 10, 20 anni o più, il che significa che c'è una grande parte della vita, gli ultimi decenni di vita, quando è diventato abbastanza comune per le persone invecchiare da sole.

Ascoltandoti, mi ricorda le persone che conosco, nella mia stessa famiglia, che hanno fatto scelte simili a quelle che stai descrivendo, specialmente le persone anziane.
Questa è la cosa—una delle cose che è stato così straordinario per me nello scrivere questo libro è quante persone possono connettersi personalmente ad esso e sentire che questa è un'esperienza che hanno vissuto e con cui la loro famiglia ha vissuto, senza nominarlo in realtà. E questo è il genere di cose che la sociologia fa molto bene, che è aiutarci a identificare e dare un senso a una condizione che sperimentiamo come una questione personale o privata, quando in realtà è pubblica e ampiamente condivisa. Quindi penso che una delle cose che voglio fare in questo libro sia aiutare a nominare, identificare e comprendere questo cambiamento sociale che ha toccato tutti noi.

Poiché la tendenza è spesso considerata una questione privata, sostieni che il suo impatto sulla vita civile e sulla politica sia trascurato. Quali sono alcuni dei suoi effetti nella sfera pubblica?
Nel libro sostengo che il picco del vivere da soli ha giocato un ruolo importante e trascurato nel rivitalizzare le città, perché è molto probabile che i single escano nel mondo, vadano nei caffè e nei ristoranti, facciano volontariato nelle organizzazioni civiche, assistano a conferenze e concerti, per trascorrere del tempo in parchi e altri spazi pubblici. Hanno svolto un ruolo importante nel rianimare le città centrali. Le persone che studiano le città tendono a credere che il modo per rivitalizzare le città sia creare una migliore offerta di spazi pubblici e servizi.

Il libro si concentra principalmente sulle città. Cosa sta succedendo nei luoghi rurali?
Le persone vivono da sole anche nelle aree rurali. Abbiamo anche visto, negli ultimi anni, un nuovo picco nel vivere da soli in stati come il North Dakota, che hanno molti lavoratori migranti, quindi in qualche modo è una specie di ritorno alle vecchie tendenze. Vivere da soli in una zona rurale può essere molto più difficile che in una città e i rischi di isolamento sono maggiori. Non c'è la possibilità di camminare fino a un posto dove puoi vedere amici e familiari, e se perdi l'accesso a un'auto, puoi essere davvero nei guai. Per ora, rimane una sorta di fenomeno minoritario, o raro.

Sebbene il libro fosse incentrato sull'America, alludeva a questa tendenza anche in altri paesi. Cosa sta succedendo nel mondo?
I paesi in più rapida crescita sono India, Cina e Brasile, in termini di tasso di crescita. E i luoghi che hanno, di gran lunga, la maggior parte delle persone che vivono da sole, sono i paesi scandinavi. Il libro si conclude in Europa, in particolare a Stoccolma, dove oltre il 50% delle famiglie sono unipersonali. Questa è una statistica scioccante, per tutti noi.

Hai qualche idea su dove potrebbe andare questa tendenza?
Quando l'economia andava male, gli esperti di tutto il mondo dicevano che avremmo iniziato a vivere tutti insieme e che le coppie non avrebbero divorziato, i giovani si sarebbero trasferiti negli scantinati dei loro genitori. Alcuni di questi si sono rivelati veri, ma in realtà i livelli di vita da soli sono aumentati dal 2008. Sono aumentati, non sono diminuiti, e qualcosa di simile è successo in Giappone durante il decennio perduto degli anni '80. Quindi non prevedo che l'attuale situazione economica metterà fine a questa tendenza. Mi sembra che questa sia una condizione sociale destinata a restare.

Vivi da solo?
Solo quando sono in viaggio. Ora sono sposato con due bambini piccoli. Ma in passato ho vissuto da solo per un po'. È stato davvero meraviglioso.





^