Il mio periodo come archeologo dilettante è iniziato una mattina sul versante meridionale del Monte Scopus, una collina alla periferia nord di Gerusalemme. All'interno di una grande serra ricoperta di teli di plastica e contrassegnata come Operazione di salvataggio del Monte del Tempio, una donna di Boston di nome Frankie Snyder, una volontaria diventata membro dello staff, mi condusse a tre file di secchi di plastica nera, ciascuno mezzo pieno di pietre e ciottoli, poi mi fece notare una dozzina di schermi con cornice in legno montati su supporti di plastica. Il mio lavoro, ha detto, era scaricare ogni secchio su uno schermo, sciacquare il terreno con l'acqua di un tubo da giardino, quindi estrarre qualsiasi cosa di potenziale importanza.

Non era così facile come sembrava. Un pezzo di quello che sembrava un conglomerato di roccia si rivelò essere intonaco usato per rivestire cisterne al tempo di Erode il Grande, circa 2000 anni fa. Quando ho gettato da parte un frammento di vetro verde che pensavo provenisse da una bottiglia di bibita, Snyder l'ha afferrato. Nota le bolle, mi disse, alzandola alla luce. Ciò indica che si tratta di vetro antico, perché in quel periodo le temperature del forno non raggiungevano le alte temperature di oggi.

A poco a poco, ho preso la mano. Ho individuato il manico di un antico pezzo di ceramica, completo di una rientranza per il supporto del pollice. Ho recuperato una moneta dal taglio grezzo coniata più di 1.500 anni fa e con il profilo di un imperatore bizantino. Ho anche trovato un frammento di vetro di quella che poteva essere solo una bottiglia Heineken, un promemoria che il Monte del Tempio è stato anche teatro di attività meno storiche.





Le cianfrusaglie che stavo raccogliendo sono i frutti di una delle imprese archeologiche più intriganti di Israele: un'analisi granello per granello dei detriti trasportati dal Monte del Tempio, il magnifico edificio che è servito ai fedeli come simbolo della gloria di Dio per 3000 anni e rimane il crocevia delle tre grandi religioni monoteiste.

La tradizione ebraica sostiene che sia il luogo in cui Dio raccolse la polvere per creare Adamo e dove Abramo quasi sacrificò suo figlio Isacco per dimostrare la sua fede. Il re Salomone, secondo la Bibbia, costruì il Primo Tempio degli ebrei su questa cima di montagna intorno al 1000 a.C., solo per averlo demolito 400 anni dopo dalle truppe comandate dal re babilonese Nabucodonosor, che mandò in esilio molti ebrei. Nel I secolo a.C. Erode ampliò e restaurò un Secondo Tempio costruito da ebrei che erano tornati dopo il loro esilio. È qui che, secondo il Vangelo di Giovanni, Gesù Cristo si scagliò contro i cambiavalute (e fu poi crocifisso a poche centinaia di metri di distanza). Il generale romano Tito si vendicò contro i ribelli ebrei, saccheggiando e bruciando il Tempio nel 70 d.C..



Tra i musulmani, il Monte del Tempio è chiamato Haram al-Sharif (il Nobile Santuario). Credono che sia stato qui che il Profeta Muhammad è asceso alla Presenza Divina sul dorso di un cavallo alato, il Miracoloso Viaggio Notturno, commemorato da uno dei trionfi architettonici dell'Islam, il santuario della Cupola della Roccia. Un bottino territoriale occupato o conquistato da una lunga successione di popoli - inclusi Gebusei, Israeliti, Babilonesi, Greci, Persiani, Romani, Bizantini, primi Musulmani, Crociati, Mamelucchi, Ottomani e Britannici - il Monte del Tempio ha visto eventi storici più importanti di forse altri 35 acri nel mondo. Tuttavia, gli archeologi hanno avuto poche opportunità di cercare prove fisiche per separare la leggenda dalla realtà. Per prima cosa, il sito rimane un luogo di culto attivo. L'autorità che controlla il complesso, un consiglio islamico chiamato Waqf, ha proibito a lungo gli scavi archeologici, che considera profanazione. Fatta eccezione per alcune indagini clandestine di grotte, cisterne e tunnel intraprese da avventurieri europei alla fine del XIX secolo, e alcuni lavori archeologici minori condotti dagli inglesi dal 1938 al 1942, quando la moschea di Al-Aqsa era in fase di ristrutturazione, gli strati della storia sottostanti il Monte del Tempio è rimasto allettantemente fuori portata.

Da qui il significato di quei secchi di plastica pieni di detriti che ho visto sul Monte Scopus.

Oggi il Monte del Tempio, un complesso murato all'interno della Città Vecchia di Gerusalemme, è il sito di due magnifiche strutture: la Cupola della Roccia a nord e la Moschea Al-Aqsa a sud. A sud-ovest si trova il Muro Occidentale, un residuo del Secondo Tempio e il luogo più sacro dell'ebraismo. A circa 300 piedi dalla Moschea di Al-Aqsa, nell'angolo sud-est del complesso, un'ampia piazza conduce a archi a volta sotterranei noti da secoli come Scuderie di Salomone, probabilmente perché si dice che i Templari, un ordine di cavalieri, abbiano mantennero i loro cavalli lì quando i crociati occuparono Gerusalemme. Nel 1996, il Waqf ha trasformato l'area in una sala di preghiera, aggiungendo pavimenti in piastrelle e illuminazione elettrica. Le autorità musulmane hanno affermato che il nuovo sito, chiamato Moschea El-Marwani, era necessario per ospitare altri fedeli durante il Ramadan e nei giorni di pioggia che impedivano ai fedeli di radunarsi nel cortile aperto della Moschea di Al-Aqsa.



Tre anni dopo, il Waqf, con l'approvazione del governo israeliano, ha annunciato l'intenzione di creare un'uscita di emergenza per la moschea El-Marwani. Ma i funzionari israeliani in seguito hanno accusato il Waqf di aver superato il suo mandato autodichiarato. Invece di una piccola uscita di emergenza, il Waqf ha scavato due archi, creando un massiccio ingresso a volta. In tal modo, i bulldozer hanno scavato una fossa lunga più di 131 piedi e profonda quasi 40 piedi. I camion hanno portato via centinaia di tonnellate di terra e detriti.

Gli archeologi e gli studiosi israeliani hanno sollevato una protesta. Alcuni hanno affermato che il Waqf stava deliberatamente cercando di cancellare le prove della storia ebraica. Altri hanno attribuito l'atto a negligenza su scala mostruosa.

Quella terra era satura della storia di Gerusalemme, dice Eyal Meiron, storico dell'Istituto Ben-Zvi per lo studio di Eretz Israel. Uno spazzolino da denti sarebbe stato troppo grande per spazzolare quel terreno, e lo hanno fatto con i bulldozer.

Yusuf Natsheh, il capo archeologo del Waqf, non era presente durante l'operazione. Ma ha detto a Posta di Gerusalemme che i colleghi archeologi avevano esaminato il materiale scavato e non avevano trovato nulla di significativo. Gli israeliani, mi disse, stavano esagerando il valore dei manufatti trovati. E si irritò al suggerimento che il Waqf cercasse di distruggere la storia ebraica. Ogni pietra è uno sviluppo musulmano, dice. Se qualcosa è stato distrutto, era eredità musulmana.

Zachi Zweig era uno studente di archeologia del terzo anno alla Bar-Ilan University, vicino a Tel Aviv, quando ha sentito le notizie sui camion con cassone ribaltabile che trasportavano il terreno del Monte del Tempio nella valle del Kidron. Con l'aiuto di un compagno di studi ha radunato 15 volontari per visitare la discarica, dove hanno iniziato a sondare e raccogliere campioni. Una settimana dopo, Zweig ha presentato le sue scoperte, inclusi frammenti di ceramica e piastrelle di ceramica, agli archeologi che partecipavano a una conferenza all'università. La presentazione di Zweig ha fatto arrabbiare i funzionari dell'Autorità per le antichità israeliane (IAA). Questo non è altro che uno spettacolo travestito da ricerca, ha detto Jon Seligman, archeologo della regione di Gerusalemme dell'IAA. Posta di Gerusalemme . È stato un atto criminale prendere questi oggetti senza approvazione o permesso. Poco dopo, la polizia israeliana ha interrogato Zweig e lo ha rilasciato. A quel punto però, dice Zweig, la sua causa aveva attirato l'attenzione dei media e del suo conferenziere preferito al Bar-Ilan, l'archeologo Gaby Barkay.

Zweig ha esortato Barkay a fare qualcosa per i manufatti. Nel 2004, Barkay ha ottenuto il permesso di perquisire il terreno scaricato nella Kidron Valley. Lui e Zweig hanno noleggiato camion per trasportarlo da lì al Parco Nazionale Emek Tzurim ai piedi del Monte Scopus, hanno raccolto donazioni per sostenere il progetto e hanno reclutato persone per intraprendere il setaccio. Il progetto di vagliatura del Monte del Tempio, come viene talvolta chiamato, segna la prima volta che gli archeologi hanno studiato sistematicamente il materiale rimosso da sotto il complesso sacro.

Barkay, dieci membri dello staff a tempo pieno e un corpo di volontari part-time hanno scoperto una ricchezza di manufatti, che vanno da tre scarabei (egizi o ispirati al design egiziano), del secondo millennio a.C., al distintivo uniforme di un membro di l'Australian Medical Corps, che fu alloggiato con l'esercito del generale britannico Edmund Allenby dopo aver sconfitto l'Impero ottomano a Gerusalemme durante la prima guerra mondiale. Una moneta di bronzo risalente alla Grande Rivolta contro i Romani (66-70 d.C.) reca la frase ebraica , Libertà di Sion. Una moneta d'argento coniata durante l'epoca in cui i crociati governavano Gerusalemme è impressa con l'immagine della Chiesa del Santo Sepolcro.

Barkay dice che alcune scoperte forniscono prove tangibili di resoconti biblici. Frammenti di statuine in terracotta, databili tra l'VIII e il VI secolo a.C., possono sostenere il passaggio in cui il re Giosia, che regnò nel VII secolo, avviò riforme che includevano una campagna contro l'idolatria. Altri reperti sfidano convinzioni di vecchia data. Ad esempio, è ampiamente accettato che i primi cristiani usassero il Monte come discarica sulle rovine dei templi ebraici. Ma l'abbondanza di monete, crocifissi ornamentali e frammenti di colonne rinvenuti di epoca bizantina a Gerusalemme (380-638 d.C.) suggerisce che alcuni edifici pubblici furono costruiti lì. Barkay e i suoi colleghi hanno pubblicato le loro principali scoperte in due riviste accademiche in ebraico, e hanno in programma di pubblicare alla fine un resoconto di un libro in inglese.

Ma Natsheh, il capo archeologo del Waqf, respinge i reperti di Barkay perché non sono stati trovati sul posto nei loro strati archeologici originali nel terreno. Non vale niente, dice del progetto di vagliatura, aggiungendo che Barkay è balzato a conclusioni ingiustificate per rafforzare l'argomento israeliano secondo cui i legami ebraici con il Monte del Tempio sono più antichi e più forti di quelli dei palestinesi. Questo è tutto per servire la sua politica e il suo programma, dice Natsheh.

A dire il vero, il Monte è un punto di infiammabilità nel conflitto in Medio Oriente. Israele conquistò Gerusalemme Est e la Città Vecchia dalla Giordania nel 1967. Mentre gli israeliani consideravano questo come la riunificazione della loro antica capitale, i palestinesi considerano ancora Gerusalemme Est una terra araba occupata (una posizione detenuta anche dalle Nazioni Unite). Il Monte del Tempio è precariamente in equilibrio tra queste opposte visioni. Sebbene Israele rivendichi la sovranità politica sul complesso, la custodia rimane con il Waqf. Pertanto, israeliani e palestinesi si guardano a vicenda con cautela per qualsiasi inclinazione nello status quo. Una visita del settembre 2000 al Monte del Tempio del politico israeliano Ariel Sharon è stata interpretata dai palestinesi come un'affermazione provocatoria della sovranità di Israele e ha contribuito a innescare la seconda rivolta dell'intifada, che, secondo alcune stime, ha causato fino a 6.600 vittime, come rivolta, scontri armati e attentati terroristici sono scoppiati in tutti i territori palestinesi e in Israele. Al centro, il conflitto israelo-palestinese rappresenta rivendicazioni rivali sullo stesso territorio, ed entrambe le parti si affidano alla storia per sostenere le radici di chi sono più profonde nella terra.

Per gli israeliani, quella storia inizia 3000 anni fa, quando il Monte del Tempio, ritenuto da molti studiosi biblici la montagna nella regione di Moria menzionata nel Libro della Genesi, era un tumulo di forma irregolare che si ergeva per circa 2.440 piedi tra le spoglie della Giudea. Colline. La vetta incombeva su un piccolo insediamento chiamato Jebus, che si aggrappava a un crinale circondato da burroni. L'Antico Testamento descrive come un esercito guidato da Davide, il secondo re dell'antico Israele, fece breccia nelle mura di Gebus intorno al 1000 a.C. David poi costruì un palazzo nelle vicinanze e creò la sua capitale, Gerusalemme. Nel sito di un'aia in cima alla montagna, dove i contadini avevano separato i cereali dalla pula, Davide costruì un altare sacrificale. Secondo il Secondo Libro dei Re e il Primo Libro delle Cronache, il figlio di Davide, Salomone, costruì il Primo Tempio (in seguito noto come Beit Hamikdash) su quel sito.

Il Monte del Tempio era il Partenone degli ebrei, dice Barkay, descrivendo come i fedeli avrebbero salito una ripida scalinata per arrivarci. Sentiresti ogni passo della salita nelle tue membra e nei tuoi polmoni.

Tuttavia, non sappiamo nulla del Primo Tempio, perché non ci sono tracce dei suoi resti fisici, afferma Benjamin Kedar, professore di storia all'Università Ebraica e presidente del consiglio di amministrazione dell'IAA. Gli studiosi, tuttavia, hanno ricostruito un ritratto provvisorio del Beit Hamikdash dalle descrizioni nella Bibbia e dai resti architettonici di santuari altrove nella regione costruiti durante la stessa epoca. È concepito come un complesso di cortili riccamente dipinte e dorate, costruite con cedro, abete e legno di sandalo. Le stanze sarebbero state costruite intorno a un sancta sanctorum, il Sancta Sanctorum, dove si diceva fosse conservata l'arca dell'alleanza, una cassa di legno di acacia ricoperta d'oro e contenente i Dieci Comandamenti originali.

Fino a poco tempo fa, i palestinesi generalmente riconoscevano l'esistenza del Beit Hamikdash. Una pubblicazione del 1929, Una breve guida all'Haram al-Sharif , scritto dallo storico del Waqf Aref al Aref, dichiara che l'identità del Monte con il sito del tempio di Salomone è fuori discussione. Questo è anche il luogo, secondo la credenza universale, sul quale Davide vi costruì un altare al Signore e offrì olocausti e sacrifici di pace. Ma negli ultimi decenni, in mezzo all'intensificarsi della disputa sulla sovranità di Gerusalemme Est, un numero crescente di funzionari e accademici palestinesi ha espresso dubbi. Non permetterò che si scriva di me che ho... confermato l'esistenza del cosiddetto Tempio sotto il Monte, ha detto il leader palestinese Yasser Arafat al presidente Bill Clinton ai colloqui di pace di Camp David nel 2000. Arafat ha suggerito il sito del Monte del Tempio potrebbe essere stato nella città di Nablus, in Cisgiordania, conosciuta come Sichem nei tempi antichi.

Cinque anni dopo i colloqui di Camp David, il progetto di setacciatura di Barkay ha portato alla luce un pezzo di argilla nera con un'impronta di sigillo incisa con il nome, in ebraico antico, [Gea]lyahu [figlio di] Immer. Nel Libro di Geremia, un figlio di Immer, Pashur, è identificato come amministratore principale del Primo Tempio. Barkay suggerisce che il proprietario del sigillo potrebbe essere il fratello di Pashur. Se è così, è una scoperta significativa, dice, la prima iscrizione ebraica del periodo del Primo Tempio che si trova sul Monte stesso.

Ma Natsheh, che sorseggia caffè arabo nel suo ufficio nel quartier generale di Waqf, un ex monastero sufi di 700 anni nel quartiere musulmano della Città Vecchia, è dubbioso. Dice di essere anche frustrato dal rigetto israeliano delle rivendicazioni palestinesi sul sacro complesso dove, dice, la presenza musulmana, ad eccezione del periodo crociato (1099-1187 d.C.), si estende per 1.400 anni. Natsheh non dirà se crede nell'esistenza del Primo Tempio, dato l'attuale clima politico. Se dico 'sì' o 'no', sarebbe un uso improprio, mi dice, irrequieto. Non vorrei rispondere.

Secondo resoconti contemporanei, l'esercito babilonese distrusse il Primo Tempio nel 586 a.C. L'arca dell'alleanza scomparve, forse nascosta ai conquistatori. Dopo la conquista di Gerusalemme da parte dei Persiani nel 539 a.C., gli ebrei tornarono dall'esilio e, secondo il Libro di Esdra, costruirono un Secondo Tempio sul sito.

Nel I secolo a.C., il re Erode intraprese un massiccio rimodellamento del Monte del Tempio. Riempì i pendii che circondano la vetta del monte e lo ampliò fino alle dimensioni attuali. Racchiuse il luogo sacro all'interno di un muro di contenimento alto 100 piedi costruito con blocchi di calcare estratti dalle colline di Gerusalemme e costruì una versione molto più ampia del Secondo Tempio. L'atteggiamento di Erode era: 'Tutto ciò che puoi fare, io posso fare di meglio e più in grande', afferma Barkay. Faceva parte della sua megalomania. Voleva anche competere con Dio.

Barkay afferma che lui e i suoi collaboratori hanno scoperto prove fisiche che suggeriscono la grandezza del Secondo Tempio, inclusi pezzi di quelle che sembrano piastrelle per pavimenti in opus sectile, elementi di una tecnica ai tempi di Erode che utilizzava pietre di vari colori e forme per creare motivi geometrici. (Descrivendo il tempio, l'antico storico Giuseppe Flavio scrisse di un cortile all'aperto ricoperto di pietre di ogni tipo.) Altre scoperte potrebbero offrire scorci di rituali religiosi quotidiani, in particolare avorio e pettini d'osso che avrebbero potuto essere usati in preparazione di un mikvah rituale , o bagno purificatore, prima di entrare nell'interno santificato delle corti.

quanto è accurata la datazione al carbonio 2018?

In una mattinata senza nuvole, mi unisco allo storico Meiron per un tour del Monte del Tempio. Entriamo nella Città Vecchia attraverso la Porta Dung e poi arriviamo alla piazza del Muro Occidentale. Quando i romani distrussero il tempio di Erode nel 70 d.C., abbatterono il muro di contenimento pezzo per pezzo. Ma le pietre dall'alto sono cadute e hanno formato una barriera protettiva che ha preservato le parti inferiori del muro. Oggi, centinaia di ebrei ortodossi sono riuniti in devozione davanti ai resti di quel muro, un rituale che forse si è verificato per la prima volta nel IV secolo d.C. ed è stato praticato continuamente dall'inizio del XVI secolo, dopo la conquista ottomana di Gerusalemme.

Durante l'Impero ottomano e il mandato britannico, quest'area era un labirinto di case arabe, e gli ebrei che volevano pregare qui dovevano infilarsi in un corridoio largo 12 piedi di fronte alle pietre di Erode. Mio padre è venuto qui da bambino e mi ha detto: 'Passavamo per i vicoli; siamo entrati in una porta; e c'era il muro sopra di noi', mi dice Meiron. Dopo che Israele ha rivendicato la sovranità su Gerusalemme Est nel 1967, ha demolito le case arabe, creando la piazza.

Meiron e io saliamo su una passerella di legno temporanea che conduce sopra il Muro Occidentale alla Porta Mughrabi, l'unico punto di accesso al Monte del Tempio per i non musulmani, e un simbolo di come qualsiasi tentativo di cambiare la geografia del sito possa sconvolgere il delicato status quo . Israele ha eretto la struttura in legno dopo il crollo di una rampa di terra nel 2004, a seguito di un terremoto e di abbondanti nevicate. Nel 2007, l'IAA ha approvato la costruzione di un ponte permanente che si estendesse dalla Porta del letame della Città Vecchia alla Porta Mughrabi.

Ma membri di entrambe le comunità ebraica e musulmana si sono opposti al piano. Alcuni archeologi israeliani hanno sollevato una protesta sul percorso proposto del ponte attraverso il Parco Archeologico di Gerusalemme, il sito di scavi condotti nella Città Vecchia, dicendo che la costruzione potrebbe danneggiare i manufatti. Il defunto Ehud Netzer, l'archeologo che ha scoperto la tomba del re Erode nel 2007, ha sostenuto che spostare la rampa d'ingresso potrebbe effettivamente tagliare il collegamento del Muro Occidentale al Monte del Tempio, minando così le pretese di sovranità di Israele sul complesso sacro. E il gruppo di attivisti israeliani Peace Now ha avvertito che il progetto potrebbe allarmare i musulmani poiché il nuovo percorso e le dimensioni del ponte (tre volte la rampa originale) aumenterebbero il traffico non musulmano verso il Monte.

In effetti, quando Israele ha iniziato un'indagine archeologica legalmente richiesta sul sito di costruzione pianificato, palestinesi e arabi israeliani si sono uniti in un coro di protesta. Sostenevano che gli scavi israeliani, sebbene condotti per diversi metri fuori dalle mura del complesso sacro, minacciassero le fondamenta della moschea di Al-Aqsa. Alcuni hanno persino affermato che era un piano segreto di Israele portare alla luce i resti del Primo e del Secondo Tempio per consolidare la sua storica pretesa sul Monte. Per il momento, i visitatori non musulmani continuano a utilizzare il ponte di legno temporaneo che esiste da sette anni.

Tali controversie generano inevitabilmente increspature in tutta la comunità internazionale. Sia il governo giordano che quello turco hanno protestato contro i piani di Israele per la nuova passerella. E nel novembre 2010, l'Autorità Palestinese ha creato un tumulto diplomatico quando ha pubblicato uno studio che dichiarava che il Muro Occidentale non era affatto un luogo sacro ebraico, ma parte della Moschea di Al-Aqsa. Lo studio sosteneva: Questo muro non ha mai fatto parte del cosiddetto Monte del Tempio, ma la tolleranza musulmana ha permesso agli ebrei di stare di fronte ad esso e piangere per la sua distruzione, che il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha definito di fatto errata, insensibile e altamente provocatoria.

Oggi la scena è tranquilla. In vari punti dell'ampia piazza alberata gli uomini palestinesi si riuniscono in gruppi di studio, leggendo il Corano. Saliamo i gradini verso la magnifica Cupola della Roccia, che fu costruita nello stesso periodo della Moschea di Al-Aqsa a sud, tra il 685 e il 715 d.C. La Cupola della Roccia è costruita sopra la prima pietra, che è sacro sia per gli ebrei che per i musulmani. Secondo la tradizione ebraica, la pietra è l'ombelico della Terra, il luogo in cui iniziò la creazione e il luogo in cui Abramo era pronto a sacrificare Isacco. Per i musulmani, la pietra segna il luogo in cui il profeta Maometto è asceso alla Presenza Divina.

Sul lato est del muro di contenimento del Monte del Tempio, Meiron mi mostra il Golden Gate, un elaborato corpo di guardia e portale. La sua provenienza rimane oggetto di dibattito tra gli storici, contrapponendo la maggioranza, che afferma che i primi musulmani l'hanno costruita, contro coloro che insistono sul fatto che sia una struttura cristiana bizantina.

Gli storici che sostengono che i Bizantini non costruirono la porta indicano antichi resoconti che descrivono come i primi cristiani trasformarono il Monte in un mucchio di spazzatura. I bizantini, dicono gli studiosi, videro la distruzione del Secondo Tempio come una conferma della profezia di Gesù secondo cui non sarebbe stata lasciata pietra su pietra e come un simbolo della caduta del giudaismo. Ma altri storici ribattono che l'ingresso orientale del Monte, dove fu costruita la Porta d'Oro, era importante per i Bizantini perché la loro interpretazione del Vangelo di Matteo sostiene che Gesù entrò nel Monte del Tempio dal Monte degli Ulivi a est quando si unì suoi discepoli per la cena pasquale. E nel 614 d.C., quando l'Impero Persiano conquistò e governò per breve tempo Gerusalemme, riportarono in Persia parti della Vera Croce (ritenuta la croce della Crocifissione) dalla Chiesa del Santo Sepolcro. Quindici anni dopo, dopo aver sconfitto i Persiani, Eraclio, un imperatore bizantino, avrebbe riportato la Vera Croce nella città santa, passando dal Monte degli Ulivi al Monte del Tempio, e poi al Santo Sepolcro. Così hai avuto due ingressi trionfanti: Gesù ed Eraclio, dice Meiron. Questo è abbastanza per spiegare perché i Bizantini avrebbero investito nella costruzione di quel cancello.

Mentre Barkay è nel campo che crede che il Golden Gate sia una delle prime strutture musulmane, Meiron pensa che la scoperta del progetto di vagliatura di croci, monete e colonne ornamentali di epoca bizantina supporti la teoria che la porta sia stata costruita dai Bizantini. Ora non siamo così sicuri che il Monte del Tempio sia caduto in rovina, dice Meiron. Inoltre, Barkay ha trovato fotografie d'archivio scattate durante i lavori di ristrutturazione della moschea di Al-Aqsa alla fine degli anni '30 che sembrano rivelare mosaici bizantini sotto la struttura, un'ulteriore prova che nel sito era stata costruita una sorta di edificio pubblico.

ci sono orsi nel Regno Unito?

Ho visitato Barkay nel suo modesto appartamento a East Talpiot, un sobborgo ebraico di Gerusalemme est. L'archeologo brizzolato e fumatore accanito è nato a Budapest nel 1944, lo stesso giorno in cui i nazisti mandarono la sua famiglia nel ghetto ebraico della città. Dopo la guerra suo padre, che aveva trascorso un anno in un campo di lavoro forzato nazista in Ucraina, fondò la prima delegazione israeliana a Budapest e la famiglia emigrò in Israele nel 1950. Barkay conseguì il dottorato in archeologia all'Università di Tel Aviv. Nel 1979, esplorando una serie di antiche grotte funerarie in un'area di Gerusalemme sopra la Valle di Hinnom, fece una scoperta straordinaria: due rotoli d'argento di 2.700 anni delicatamente incisi con la benedizione sacerdotale che Aaronne e i suoi figli conferirono ai bambini d'Israele, come menzionato nel Libro dei Numeri. Barkay descrive i rotoli, che contengono i primi frammenti conosciuti di un testo biblico, come il ritrovamento più importante della mia vita.

Barkay ed io saliamo in macchina e ci dirigiamo verso il Monte Scopus. Gli chiedo dell'accusa di Natsheh che il progetto di vagliatura è intriso di un'agenda politica. Lui alza le spalle. Starnutire a Gerusalemme è un'attività intensamente politica. Puoi farlo a destra, a sinistra, sul volto di un arabo o di un ebreo. Qualunque cosa tu faccia o non faccia, è politica.

Tuttavia, alcune critiche a Barkay derivano non dalla politica ma dallo scetticismo sulla sua metodologia. Natsheh non è l'unico archeologo a sollevare interrogativi sul valore di manufatti non trovati in situ. Lo sporco scavato dal Waqf è una discarica di epoche precedenti. Parte di quella discarica, dice Barkay, proviene dalla sezione orientale del Monte, che il Waqf ha pavimentato nel 2001. Ma la maggior parte, dice, è stata presa da parti vuote del Monte quando un ingresso alle Scuderie di Salomone è stato bloccato, a volte tra il regno delle dinastie fatimide e ayyubide. Collettivamente, dice, la discarica include manufatti di tutti i periodi del sito.

Ma l'archeologo israeliano Danny Bahat ha detto al... Posta di Gerusalemme che, essendo lo sporco riempitivo, gli strati non rappresentano una cronologia significativa. Quello che hanno fatto è stato come mettere i resti in un frullatore, aggiunge l'archeologo della regione di Gerusalemme Seligman sullo scavo del Waqf. Tutti gli strati sono ora mischiati e danneggiati. L'archeologo Meir Ben-Dov, uno specialista della Città Vecchia, ha sollevato dubbi sul fatto che tutta la discarica abbia avuto origine sul Monte del Tempio. Parte di essa, suggerisce, è stata portata lì dal quartiere ebraico di Gerusalemme.

Barkay, non a caso, respinge questo suggerimento, citando i frequenti ritrovamenti di frammenti di piastrelle smaltate ottomane dalla Cupola della Roccia, risalenti al XVI secolo, quando il sultano Solimano il Magnifico riparò e abbellì il santuario. E, sebbene il terreno scavato non sia in situ, dice che, anche se si dovesse scontare il valore scientifico dei manufatti dell'80%, ci ritroveremo con il 20%, che è molto più di zero.

Barkay identifica e data i manufatti attraverso la tipologia: confronta i suoi reperti con oggetti di fattura simile in cui è stata stabilita una linea temporale. Ad esempio, i pezzi di opus sectile che Barkay trovò nel terreno erano esattamente gli stessi - in termini di materiale, forma e dimensioni - di quelli che Erode usava nei palazzi di Gerico, Masada ed Herodium.

Arriviamo all'operazione di salvataggio di Barkay e saluta una manciata di membri dello staff. Poi mi fa strada verso un tavolo da lavoro e mi mostra un campionario degli sforzi di un singolo giorno. Ecco un frammento di ciotola del periodo del Primo Tempio, dice. Una moneta bizantina qui. Una punta di freccia crociata in ferro. Questa è una moneta asmonea, della dinastia che governò Giuda nel II secolo a.C. Barkay mi dice che centinaia di volontari arrivano ogni settimana per aiutare con il vaglio, anche ebrei ultra-ortodossi, che tradizionalmente si oppongono agli scavi archeologici in Terra Santa. Dicono che tutte le prove sono nelle fonti [scritturali], non hai bisogno di prove fisiche. Ma sono disposti a fare un'eccezione, perché è il Monte del Tempio. Barkay fa una pausa. Se guardo alcuni dei volontari, e vedo l'emozione nei loro occhi, che possono toccare con le proprie dita la storia di Gerusalemme, questo è insostituibile. Ammette che il progetto ha attratto pochissimi palestinesi o arabi israeliani.

Conducendomi fuori dall'edificio coperto di plastica, Barkay strizza gli occhi alla luce del sole. Possiamo vedere il Monte del Tempio in lontananza, la luce del sole che brilla sulla Cupola della Roccia dalla cima dorata. Abbiamo lavorato per sei anni e abbiamo analizzato il 20 percento del materiale, dice, indicando enormi cumuli di terra che riempiono un uliveto sotto la tenda. Abbiamo altri 15-20 anni da fare.

Joshua Hammer ha scritto sui Buddha Bamiyan nel numero di novembre 2010. Kate Brooks è un fotoreporter di Istanbul che ha lavorato in Iraq, Libano e Afghanistan.

'Il Monte del Tempio era il Partenone degli ebrei', dice l'archeologa Gaby Barkay.(Polari)

I non musulmani usano una rampa di legno per entrare nel complesso, che ospita la Cupola della Roccia dorata, un santuario islamico e il Muro Occidentale, sacro per gli ebrei.(Polari)

Quando Israele conquistò Gerusalemme Est nel 1967, proclamò l'atto di riunificare la sua antica capitale. I palestinesi dicono che Israele sta occupando la terra araba.(infografica 5W)

Il Monte del Tempio è in equilibrio precario tra visioni rivali.(infografica 5W)

Zachi Zweig, uno studente di archeologia del terzo anno, con gli studenti del Temple Mount Sifting Project, credeva che importanti manufatti fossero stati scartati.(Polari)

I sacchi in attesa di essere consegnati al sito di vagliatura degli archeologi contengono del terreno rimosso dal Monte e scaricato nella valle del Kidron.(Polari)

L'archeologo palestinese Yusuf Natsheh accusa il progetto del Monte del Tempio dei ricercatori israeliani di avere un'agenda politica.(Polari)

I gruppi di studio coranici si incontrano regolarmente nel cortile tra la Moschea di Al-Aqsa e la Cupola della Roccia.(Polari)

Entrambe le parti stanno attenti a qualsiasi inclinazione nello status quo che minacci le loro rivendicazioni sul Monte.(Polari)

Il santuario della Cupola della Roccia si trova sul lato nord del Monte del Tempio.(Polari)

Il Monte del Tempio è al crocevia delle tre grandi religioni monoteiste ed è stato un importante simbolo religioso per 3000 anni.(Polari)

Una vista in lontananza del complesso murato all'interno della Città Vecchia di Gerusalemme.(Polari)

Gli ebrei ortodossi pregano al cimitero del Monte degli Ulivi appena sopra la valle del Cedron.(Polari)

Un gruppo di studio coranico.(Polari)

Il Monte del Tempio ha visto eventi storici più importanti di qualsiasi altro 35 acri nel mondo.(Polari)

Zweig tiene una lezione agli scolari nella tenda del progetto di setacciatura.(Polari)

Un turista cammina attraverso il Parco Archeologico di Gerusalemme.(Polari)





^